lunedì 7 febbraio 2011

Risotto in tazza



Buon inizio settimana amici!
Si, lo so, molti di voi penseranno che il Lunedì non sia proprio la giornata adatta per essere felici: un'altra settimana ci aspetta e siamo stanchi perchè la domenica è volata via troppo in fretta. Eppure se imparassimo a benedire ogni istante della nostra vita e a godere il presente come l'unico momento certo, tutti i giorni assumerebbero contorni differenti e anche un semplice Lunedì, potrebbe diventare un giorno speciale.
Va be', bando alle mie digressioni filosofiche ;) : vorrei accogliervi stamattina non con il semplice caffè, ma con una tazzina un pò più ricca, dall'aroma non meno penetrante, ma dalla consistenza maggiore.
Ho preparato, con il regalo di un'amica, un semplice risotto al tartufo nero e mi è sembrato carino presentarlo, in foto, come un "abbondante" fingerfood, spero che l'idea, ma soprattutto la ricetta, vi piaccia.
Un bacione a tutti, a presto.

P.S. Grazie a tutti quelli che, passando di qui, si uniscono ai miei sostenitori, o mi lasciano un commento carino: sono felice di piacervi, soprattutto come persona. Un abbraccio.

Risotto al tartufo nero

Ingredienti per 4 persone

500g di riso parboiled
mezza cipolla bianca
due spicchi di aglio
olio extra vergine di oliva
un litro circa di brodo vegetale
tartufo nero
vino bianco secco
panna da cucina

Preparazione

Tagliare la cipolla e l'aglio a pezzetti piccolissimi, farli soffriggere con l'olio in una pentola dal fondo spesso e lasciar consumare il fondo di cottura. A fiamma alta, unire il riso e farlo tostare velocemente, sfumare con il vino bianco e mescolare; abbassare la fiamma e cuocere il risotto, aggiungendo, di tanto in tanto, il brodo vegetale e amalgamando il riso con un cucchiaio di legno.
Prendersi cura del risotto amorevolmente, controllando che non si asciughi troppo prima di aggiungere altro brodo. A cottura ultimata, spegnere il fuoco e mantecare con un pò di panna da cucina.
Non ho aggiunto alcun tipo di formaggio perchè ritengo che confonderebbe il profumo ed il sapore del tartufo.
Prima di servire, grattugiare su ogni piatto, il tartufo nero e, prima di mangiare il risotto, girarlo bene, in modo da amalgamare il tartufo al resto del composto.

9 commenti:

Giusy ha detto...

Sono pienamente d'accordo con le tue riflessioni!! Ogni giorno è speciale !!
Quindi buon Lunedì anche a te cara!
Mamma che buono il tartufo, mi sembra di sentirne il profumo!!

meggY ha detto...

Io questa mattina ho postato una ricetta che aiuti a sopravvivere al lunedì con un sorriso!Ma sorrido anche grazie alla tua, questo risottino in tazza profuma di buonissimo, brava!Baci e buona settimana

dolci a ...gogo!!! ha detto...

ciao tesoor come stai??è da tempo che nn ti leggevo e sai che questa tua ricetta in tazza sarebbe perfetta per il mio contest "Tutto in cocotte"....ti aspetto,bacioni imma

Nicol ha detto...

Grazie ragazze per i bei commenti!
@Per Imma:cara, vorrei pensare a qualcosa di ancora più gustoso per il tuo contest:mi intriga molto =) Bacioni!

Cinzia ha detto...

panna, tartufo...potrei svenire!! .-)

Erica ha detto...

la penso come te, ogni giorno potrebbe essere speciale, la ricetta bèh io dico che è meravigliosa, e concordo con te anche sul fatto che formaggi coprirebbero il tartufo, a me sembra perfetto così com'è! :)

Vero ha detto...

ma l'amica ha regalato il tartufo!? ma peche io non amiche del genere!! mi piace l'idea del risotto fingerfood!! baci
Vero

Ramona ha detto...

Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

Marjlou ha detto...

che idea originale!!!!
Ottimo il risotto con il tartufo!

Posta un commento