giovedì 17 giugno 2010

Racconto di una consolazione


Ci sono giorni in cui nulla va come dovrebbe andare, esistono periodi durante i quali non hai il tempo di renderti conto di cosa stia accadendo e cerchi soltanto, in modo inerziale, di compiere i gesti giusti.
Fai ogni cosa che va fatta, cerchi dentro di te la forza per resistere e ti ritrovi in balia degli eventi a fronteggiare l'inaspettato, l'incontrollabile.
In uno di questi giorni, il ritorno a casa assume l'aspetto del rifugio, il desiderio di raggomitolarsi a letto e dimenticare tutte le ansie in un sonno rigeneratore.
Ecco, ci siamo...sono a casa!
E, giunta a destinazione, ti aspettano le creature consolatrici per eccellenza, i tuoi cani; basta che uno di loro ti accolga sulla porta scodinzolando o un altro lecchi le tue lacrime, e con esse le tue ferite, che ogni stanchezza comincia a diminuire di intensità.
La mente vaga, pensando a tutte le volte in cui mi sono sentita triste: non c'è stata migliore soluzione della loro vicinanza, insieme ad una buona tazza di the e alla brezza sul viso passeggiando tra gli ulivi.
Anche stavolta la rabbia è tanta, ma l'orario tardo mi richiama al pranzo.
Ad un tratto, seduta a tavola, dopo aver già iniziato a mangiare, ti accorgi che ciò che hai nel piatto ti consola, perchè è una delle tue paste preferite, perchè l'avevi chiesta a tua madre pochi giorni fa e, casualmente, è arrivata proprio in questa giornata difficile, perchè avevi pensato a tante ricette che sapessero consolarti, come la pastina in brodo nelle serate d'inverno, ma avevi tralasciato l'ingrediente più importante: l'amore!
Si...l'amore con il quale ci si ricorda di preparare qualcosa di buono per le persone alle quali teniamo, lo stesso amore che ci spinge a riempire i loro piatti all'inverosimile, come per riempire loro il cuore.
E allora, cosa ci consola, non risiede più negli ingredienti utilizzati, ma nelle mani di chi li trasforma.
Ecco, la pasta e patate di mia madre è tutto questo, non tralasciando che è gustativamente straordinaria :)
Vi scrivo ed ho tra le mani una fumante e consolatoria tazza di the, ma questa è un'altra storia...

Pasta e patate di mamma

Ingredienti "a occhio"

5-6 patate a pasta gialla
una cipolla
sedano
carota
prezzemolo
olio extra vergine di oliva
sugo ottenuto da pomodori pelati passati al passaverdure
sale q.b.
circa 400g di pasta formato misto

Preparazione

Fate soffriggere insieme a due o tre cucchiai d'olio, per poco tempo, in una pentola dai bordi alti, la cipolla, il sedano, la carota ed il prezzemolo; aggiungere, in un secondo momento, un pò d'acqua calda e lasciare consumare a fuoco lento. Intanto, tagliare le patate a cubetti molto piccoli e lasciare a mollo in acqua fredda.
Una volta che il soffritto di verdure si è consumato, aggiungere il pomodoro pelato passato e far cuocere per una decina di minuti. Aggiungere le patate e portare a cottura, sempre a fuoco lento. Solo a cottura ultimata, aggiungere il sale secondo i gusti.
Da parte, cuocere la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolarla, unirla al condimento di patate e far sobollire ancora per qualche minuto sul fuoco.
Servire calda.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Juls, Ricette per la felicità in collaborazione con Macchine alimentari







17 commenti:

Eleonora ha detto...

Quanto è vero.
L'affetto di qualcuno (il nostro amico a 4 zampe o un bimbo ne sono l'esempio migliore), qualcosa di buono da mangiare che ci ricorda le attenzioni di una persona per noi, qualcosa che ci riscalda, qualcosa che ci rinfresca, l'ambiente buono e accogliente di casa nostra...
Tutto questo ci fa andare avanti a volte.

Buon tè!

Zasusa ha detto...

complimenti per questo bellissimo post!

Juls @ Juls' Kitchen ha detto...

Hai proprio ragione, l'amore è l'ingrediente segreto!! bella ricetta

Baby ha detto...

casa dolce casa...è quello che desideriamo in quelle giornate tristi e da dimenticare...come ti capisco.il cucciolotto che ci da una leccata e ti si fionda tra le gambe per ricevere le coccole, le stesse coccole che vorresti che qualcuno facesse a te!
Complimenti, hai reso l'idea alla perfezione!
Un bacio tenero

Marjlou ha detto...

Ciao Nicol!
Complimenti hai un gran bel blog: belle foto e stile di scrittura molto piacevole!
Credo che passerò a trovarti spesso!

( parentesiculinaria ) ha detto...

Ciao Nicol. Hai fatto bene a contattarmi così ti ho scoperta! Mi piacciono molto le tue foto e sono la cosa che più mi attrae perchè prima si mangia con gli occhi... A presto!

Tiziana ha detto...

Buondì, eccomi a ricambiare la visita e con piacere leggo che la spinta affettiva verso una ricetta in particolare, anche per te, risiede nell'emotività che ci scatena, nei ricordi che rievoca, nell'amore che abbiamo sentito quando altri hanno fatto lo stesso piatto per noi. Proverò di certo questa invitante pasta e patate, alla prossima,

Fiordiciliegio ha detto...

Mai mangiata la pasta con le patate...mi sa che è proprio ora di iniziare!

^_^ BasilicoeMentuccia ^_^ ha detto...

Che belle le ricette semplici.. ti fanno capire che in realtà la magia di certi piatti sta soltanto nell'amore di chi cucina! ^_^

enza ha detto...

deliziosa pasta e patate..spece se fatta
con l'amore di una madre!!
Ciao Cara..a presto

Simo ha detto...

Che bello il tuo blog, mi piace tanto, non lo conoscevo!!!
Ti metto nei miei preferiti...complimenti!

Pinedda ha detto...

Grazie per il tuo commento sul mio blog, non sai che piacere!! =D complimenti per la ricetta, mi rocorda i profumi di casina!

Nicol ha detto...

#Per Eleonora: vedo che mi hai compreso pienamente, grazie :)
#Per Zasusa: grazie a te per essere passata a trovarmi!
#Per Juls: si, l'amore è la chiave di ogni cosa.
#PerBaby: anche a te un bacio tenero...già i nostri amici a quattro zampe sono un vero toccasana!
#Per Marjlou: lo spero! Ti aspetto molto volentieri :D
#Per parentesiculinaria: faccio del mio meglio per rendere in foto ciò che le ricette mi evocano, non sempre mi riesce, ma sto migliorando. Grazie dei tuoi complimenti!
#Per Tiziana:l'affetto con il quale prepariamo qualcosa è un filo conduttore che unisce tutte le nostre cucine, e questo mi piace molto!
#Per Fiordiciliegio: e no, bisogna rimediare!Sei vuoi venire da me, te la preparo io, così l'assaggi, oppure la rifai e mi fai sapere come ti è venuta.In ogni caso, ti aspetto presto :)
#Per BasilicoeMentuccia:anche a me piace la semplicità in cucina, spero che tornerai presto a trovarmi, così condivideremo qualche altra ricetta
#Per Enza: le mamme riescono a trasmettere molto con i gesti, basta saperle osservare. Grazie per la tua visita :)
#Per Simo:grazie, ti metto anche io tra i miei!
#Per Pinedda: grazie a te cara! Verrò spesso e anche tu se vuoi approfittare...ti aspetto!

Mariateresa ha detto...

Ciao Nicol,che emozione.. quanti bei ricordi.. la pasta e patate che preparava la mia nonna quand'ero piccolina.. Un bacio
Mariateresa (Mademoiselle Tatin blog con mia figlia Isabella)

vaxl2005 ha detto...

che meraviglia, quanto mi manca!!!!!

Maria ha detto...

Ciao Nicol che bei ricordi quando tu la cucinavi....quanto mi manca!!!

Valeria ha detto...

ecco il famoso "ingrediente segreto", quello che ci fa chiudere gli occhi quando assaporiamo qualcosa! complimenti per il racconto e per il bellissimo blog che non conoscevo!

Posta un commento